Conosciamole meglio: Sharon Luzzi

Essere arrivata in serie A è fantastico – non usa mezzi termini Sharon Luzzi, felicissima per il doppio salto di categoria – Voglio mettermi in gioco e, soprattutto, imparare tanto
Cosentina di Bisignano, classe 1999, il nuovo opposto azzurro, ripercorre così, tutta d’un fiato, la sua ancor breve carriera. Che già alla “tenera” età di appena diciannove anni le spalanca le porte di importanti traguardi.
– Ho iniziato i corsi di minivolley proprio nel mio paese, Bisignano appunto. La pallavolo credo di averla nel sangue. Perché? Beh, mia madre, anche lei pallavolista, mi ha sempre raccontato di aver giocato persino nei primi tre mesi di gravidanza. Con me dentro al pancione – ci scherza, ma non troppo – Dev’essere stato questo il motivo –
Quindi continua senza esitazioni.
– Ho fatto parte di diverse rappresentative sia provinciali che regionali. Poi, credo avessi all’epoca tredici anni, durante un regional-day, devono avermi notata. Infatti sono stata chiamata da Mencarelli. Una chiamata che è diventata una sorta di trampolino di lancio. E che mi ha sradicato dalle mie “origini” –
Sharon parte per il Friuli, per maturare nuove esperienze
– Mi sono trasferita in Trentino, all’Argentario Volley. In serie D. E ci sono rimasta alcuni mesi. Poi sono rientrata in Calabria e ho indossato la maglia della Kermes Spezzano. Ancora in D –
Finalmente varca lo stretto e approda a Catania, sponda Sicilia Volley. Stavolta in B2
– Sono stati anni importantissimi. Sono cresciuta mentalmente e sportivamente. Ho sempre giocato da opposto, ma ti  confesso che da piccola sognavo di fare la palleggiatrice. Ero molto alta e allora ho iniziato a giocare in un altro ruolo, quello attuale. Ma va bene così –
Ad attendere Sharon c’è una stagione molto importante, per lei e per la sua nuova squadra
– Non vedo l’ora di iniziare. Di conoscere il nostro nuovo pubblico e i nostri tifosi. Che saluto fin da adesso. Mi hanno parlato dell’ambiente caloroso e dell’aria che si respira al PalaBellina. Sarà importante giocare con il sostegno di un tifo senza sosta –
Ormai ci siamo, tra pochissimo inizieranno gli allenamenti.
Benvenuta Sharon, in bocca al lupo. – (intervista di Umberto Li Gioi)

REDATTO E PUBBLICATO DA UFFICIO STAMPA