Offanengo spegne in tre set i facili entusiasmi

L’anticipo del sabato di Pool Salvezza valevole per la seconda giornata di andata vede la Seap-Sigel Marsala uscire sconfitta dal PalaCoim di Offanengo in tre set della durata totale di un’ora e venti minuti. Ha avuto (quasi) da subito buon gioco la Chromavis Eco DB Offanengo, quarta in classifica prima di giocarsi la sfida salvezza odierna, che disponeva tra le sue fila delle ex azzurre Porzio e Galletti. A poco è servito a Marsala (in tutti e tre i set incapace di superare i venti punti), adottare le relative contromisure per arginare il fiume comasco e una scatenata Bartesaghi, di ruolo attaccante di banda. Le giovani di Buonavita, purtroppo, non riescono a dare seguito alla vittoria casalinga contro D&A Esperia Cremona e vedono interrompere la striscia positiva di risultati che si erano intestate dopo tante peripezie e sofferenze di ogni tipo. Un incidente di percorso comunque che poteva essere messo in preventivo in quanto oggi ha avuto inizio una fase delicata fatta di gare ogni tre giorni e che non preclude ancora le chances di salvezza. Così ripartiti i tre parziali di oggi pomeriggio giocati in provincia di Cremona: [25/17; 25/18; 25/19]. Per l’economia della partita è pesata la differenza di passo tra le due squadre, con Offanengo che ha dominato la partita quasi sempre, eccetto nelle fasi iniziali di secondo parziale, trovando nella sua strada una Serena Moneta (a cui Ghibaudo sfornando palloni ha dato fiducia) realizzativa per la squadra. Non è riuscita ad essere vivace e incisiva in attacco la Seap-Sigel Marsala e ad esprimere la sua solita pallavolo. Non meglio è andata la sfida a muro, completamente ad appannaggio neroverde, avendo totalizzato sette muri contro i due azzurri. Da salvare solo il dato della ricezione di squadra che in tutti e tre set è stata sopra costantemente il 70%. Da registrare l’infortunio di cui si deve valutare e approfondirne l’entità occorso a inizio secondo set all’ungherese Kinga Szucs.

Starting-six:
Giorgio Bolzoni, allenatore della Chromavis Eco DB Offanengo, si affida a Galletti in palleggio in diagonale con l’opposto Martinelli; Bartesaghi e Trevisan schierate di banda; Anello e Cattaneo centri. Il libero è la piemontese Noemi Porzio.
Buonavita conferma le diagonali che hanno affrontato e vinto su Cremona: Ghibaudo/Salkute; Moneta/Bulovic, Guarena/Frigerio. Nella maglia di libero la brava Maria Chiara Norgini.
La cronaca:
La gara comincia con il timbro di Salkute controreplicato dalla forte Francesca Trevisan. Il secondo punto di Marsala è ad opera di Bulovic con una diagonale ben eseguita. Ma il break lo infila Offanengo perché già dal 3-2 è avanti e si issa fino al 9-3 con il turno in battuta di Trevisan, momento in cui coach Buonavita chiede il time-out. La stessa schiacciatrice veneta firma il punto del 14-7 chiudendo una buona battuta di Bartesaghi e secondo time-out ospite. Entra Garofalo per Bulovic con il cambio under che dura il giro di poche lancette e successivamente Szucs per rilevare Bulovic a metà set ma il filotto cremasco non si arresta (muro di Trevisan), con la Chromavis Eco DB che taglia il traguardo dei venti con un rassicurante +8 (20-12 a firma di Trevisan), comodamente difeso verso il 25-17 (errore in battuta di Moneta dopo il punto realizzato da Ghibaudo).
Il secondo atto (che vede sempre in campo Szucs come a partire dal finale di primo set al posto di Bulovic) viene inaugurato da uno stampo su primo tempo di Frigerio. La centrale di Cantù ex giovanili di Novara si ripete ribadendo una palla di facile soluzione dall’altra parte del campo per il 0-2. Lo 0-3 è per merito del punto compiuto da Moneta. Nell’azione successiva il gioco si interrompe per l’infortunio di Szucs, in uno scontro di gioco in recupero con Norgini. In campo così ritorna Katarina Bulovic. Marsala portato avanti veramente dai punti di Moneta riesce a mantenere il vantaggio (4-7), annullato subito poi dai colpi di Anello. Bartesaghi attacca out per il nuovo break della Seap-Sigel (7-10 con Salkute), nuovamente vanificato da Offanengo (12-12 della centrale Cattaneo su battuta di Martinelli). Sul 14-14, Anello firma due punti consecutivi (attacco e muro), convincendo Eraldo Buonavita a chiedere tempo. Martinelli e Bartesaghi, però, trovano il varco giusto in contrattacco dopo azioni combattute e spingono Offanengo sul 19-15. Secondo ed ultimo time-out di Marsala, ma la corsa della Chromavis Eco DB non si ferma (21-15). Il set è chiuso da un gran punto di seconda dell’ex Galletti con il pallone che casca al centro per il 25-18.
Per rimanere a galla resta il solo terzo set alla Seap-Sigel Marsala, ma Ghibaudo e socie devono fare i conti con un Offanengo inamovibile sui suoi passi di far sua la vittoria. La squadra di Bolzoni riparte forte anche nel terzo set (6-3), trovando poi il +4 (9-5). Il muro a due Trevisan-Cattaneo confeziona il 13-9, poi Offanengo sfrutta un errore di Marsala per volare sul 15-9. Time out chiesto da coach Buonavita, poi Marsala reagisce d’orgoglio con Salkute (attacco ed ace per il 15-12). Così a questo giro è coach Bolzoni a chiamare il discrezionale. Bartesaghi sale in cattedra in posto quattro (due attacchi a sancire il 18-12), firmando anche il 21-14. La Seap-Sigel Marsala, con il gioco distribuito equamente da Ghibaudo, riscontra un finale in crescendo con il libero Norgini sollecitata diverse volte in recuperi e talvolta nella ricostruzione del gioco e le azzurre servono il controbreak di cinque punti a tre: 24-19, ma ancora Bartesaghi mette giù il pallone del 25-19 che chiude le velleità.

Posto che la Seap-Sigel Marsala non è neanche fortunata e continuamente tormentata dagli infortuni in questo ultimo mese, se erroneamente si fosse pensato anche inconsciamente che la salvezza è un traguardo che si potesse raggiungere senza troppi sforzi e senza il frutto del duro lavoro, il risultato del campo maturato oggi deve far ricredere. Perché nessuna formazione è disposta a regalare nulla a nessuna altra e va tutto conquistato con il sudore della fronte. Adesso non resta fare altro che ricomporsi e pensare indirizzando mente e cuore all’impegno ravvicinato (l’ennesimo anticipo) di martedì 21 marzo (orario di inizio ore 15,30) con le federali del Club Italia. Ecco quanto diventa fondamentale presentarsi nel pomeriggio della partita al Palasport San Carlo per le nostre giovani nelle migliori ed invidiabili condizioni di tenuta mentale (a ciò un aiuto deve provenire dall’incitamento del pubblico di fede azzurra). Il resto lo compenserà la tecnica e la cattiveria agonistica. Ne siamo certi. Quasi impossibile è sbagliare una occasione due volte. E Ghibaudo e compagne sono pienamente coscienti.

 

Intervista post-gara

A presentarsi davanti i microfoni il capo-allenatore della Seap-Sigel Marsala, Eraldo Buonavita 

Purtroppo veniamo da una settimana dove non siamo riusciti ad allenarci come volevamo per problemi fisici. Frigerio era ferma e abbiamo dovuto metterla ugualmente in campo. Siamo sempre in super-emergenza e di più non potevo chiedere alle ragazze. Peccato perché con un po’ più di concretezza in alcuni fondamentali come per esempio il muro potevamo fare qualcosa in più. Siamo stati poco aggressivi in battuta e un po’ confusionari in difesa”. 

Tabellino. Chromavis Eco DB Offanengo – Seap-Sigel Marsala: 3-0 [25/17; 25/18; 25/19]

Chromavis Eco DB Offanengo: Galletti 5, Martinelli 9, Bartesaghi 15, Trevisan 12, Cattaneo 10, l. Anello 8, Casarotti, Marchesi, Tommasini. n.e. Nelson, I. Anello (L), Pomili. Coach: Giorgio Bolzoni; vicecoach: Fabio Collina.

Porzio (L) 69 % ricezione (23% ++)

 

Seap-Sigel Marsala: Ghibaudo 3, Salkute 7, Moneta 11, Bulovic 5, Guarena 3, Frigerio 6, Garofalo, Szucs 1. N.e. D’Este. Coach: Eraldo Buonavita; vicecoach: Lucio Tomasella.

 

Norgini (L) 93% ricezione (60% ++)

 

Arbitri: Claudia Lanza di Napoli e Marta Mesiano di Bologna

 

 

Emanuele Giacalone

—————————-

UFFICIO STAMPA SEAP-SIGEL MARSALA VOLLEY